Motori Autofrenanti

I motori autofrenanti nascono dall’accoppiamento tra un motore monofase o trifase ed un gruppo freno elettromagnetico. Essi forniscono un controllo preciso nelle fasi di bloccaggio e vengono adottati principalmente per:

  • ridurre i tempi nelle lavorazioni abbassando i periodi di rallentamento di macchinari;
  • effettuare posizionamenti e stazionamenti;
  • soddisfare le esigenze legate alle normative di sicurezza.

Disponiamo di tre tipi di freno ad azione passiva con frenatura a mezzo molle ( TIPO S - TIPO B - TIPO AC ) e di uno ad azione positiva con frenatura a mezzo attrazione magnetica ( TIPO P ).

La frenatura passiva funziona anche quando viene a mancare la fornitura elettrica, sono quindi dispositivi di sicurezza.

TIPOLOGIE MOTORI AUTOFRENANTI

TIPO S

Freno progressivo con unica superficie frenante funzionante a corrente continua ricavata da apposito raddrizzatore alloggiato nella scatola morsetti.
Vai alla scheda >

TIPO B

Freno ad alta coppia con doppia superficie frenante funzionante a corrente continua ricavata da apposito raddrizzatore alloggiato nella scatola morsetti.
Vai alla scheda >

TIPO AC

Freno ad alta coppia regolabile con doppia superficie frenante funzionante a corrente alternata trifase.
Vai alla scheda >

TIPO P

Freno ad alta coppia funzionante a corrente continua tramite azione elettromagnetica positiva.
Vai alla scheda >